Una giornata a Corinaldo


Corinaldo panorama_Camping blu

Se quando piove non sai cosa fare, Corinaldo è da visitare.

Corinaldo è sicuramente da visitare per chi vuole conoscere meglio l’entroterra senigalliese.

Da Senigallia è molto facile raggiungerla.

In auto basta prendere la Strada provinciale Corinaldese.

Altrimenti si può scegliere di prendere un autobus della società di trasporto F.lli Bucci acquistando un biglietto di 2,10 € a tratta.

Corinaldo è comunemente definito il “paese dei matti”.

Infatti uno dei detti più popolari di Corinaldo è “se non sono matti, non ce li vogliamo”.

Sembra che questo detto risalga addirittura alla fine dell’Ottocento.

A parte ciò che si dice, Corinaldo è uno dei luoghi da visitare per entrare in contatto con la realtà marchigiana.

Ecco stilato per voi un elenco dei 5 luoghi da non perdere:

Le mura di Corinaldo_Camping Blu

  • Le mura

Sono le più intatte e le più lunghe di tutte Le Marche.

Si estendono per 912 metri senza alcuna interruzione.

Pozzo della Polenta Corinaldo

  • Il pozzo della polenta

Simbolo di una importante rievocazione storica, la “Contesa del pozzo della polenta”.

È stato definito così perché un’antica storia narra che un contadino saliva la scalinata trasportando un sacco di farina di granoturco.

Dopo aver fatto tutti i 110 gradini, per riposarsi appoggiò il sacco sul pozzo.

Il sacco era bucato e la farina cadde nell’acqua del pozzo diventando polenta.

  • Sala del costume e delle tradizioni popolari

Qui vengono custoditi tutti i costumi utilizzati durante la rievocazione storica della “Contesa del pozzo della polenta”.

L’evento ricorda la visita dei Duchi di Urbino dopo la resistenza ad un assedio di 21 giorni della città di Corinaldo.

  • Santuario di Santa Maria Goretti

Inizialmente la chiesa era dedicata a Sant’Agostino. Oggi invece a Santa Maria Goretti, nata a Corinaldo nel 1890 e morta a soli 12 anni a seguito di uno stupro.

Papa Pio XII è stato il papa che l’ha canonizzata nel 1950, dopo 2 guarigioni miracolose attribuite all’intercessione della bambina.

Teatro Goldoni Corinaldo_Camping Blu

  • Teatro Carlo Goldoni

Segnaliamo un ultimo sito, sebbene abbia perso la sua particolarità dopo la restaurazione del 2006.

L’attuale edificio venne costruito a metà ‘800 sostituendo quello precedente diventato ormai inadeguato.

La particolarità della struttura prevedeva che la platea fosse su un piano mobile, il quale durante le rappresentazioni veniva abbassato, mentre veniva alzato arrivando al livello del palco in occasione di feste da ballo e veglioni mascherati.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...